Simon Benetton

PRINCIPALI PRESENZE MUSEALI IN PERMANENZA

Londra, Victoria and Albert Museum

Museo Craft Council College Cardiff (Gran Bretagna)

San Paolo(Brasile), Museo d’Arte del Ferro Centro Universitario Unicamp, Museo d’Arte Contemporanea dell’Università di San Paolo

San Francisco (California, USA), Museo d’Arte Moderna

Washington (USA), International Sculpture Center

Washington (USA), Museum of the National Arts Foundation

Washington (USA), Georgetown University

Fort Lauderdale (Florida, USA), Museum of Art of Fort Lauderdale

Memphis USA, Museum of Iron Art

Città del Vaticano, Musei Vaticani e Pontifici

Brasile, Museo d’arte Moderna di San Paolo

Orleans (Francia), Museo d’Arte Moderna

Hereford, Museo Craft Council College

Pechino (Cina), Museo Nazionale di Pechino

Tokyo, Hakone Open Air Museum

Castellanza (Varese), Museo D’arte Moderna Fondazione Pagani

Torino, Museo d’Arte Moderna

Venezia, Museo d’Arte Moderna Ca’ Pesaro

Padova, Musei Civici Agli Eremitani

Ferrara, Museo d’art Moderna Palazzo dei Diamanti

Cento, (Ferrara) Museo D’arte Moderna

Sassoferrato (Ancona) Museo D’arte Moderna

Bronte (Catania), Museo Civico Giardini Nelson

Giulianova (Teramo), Museo dello Splendore

San Felice sul Panaro (Modena) Museo Aldo Roncaglia

Mestre (Venezia), Museo Civico

Vaiano Cremasco (Cremona), Museo Civico

Bologna, Fondazione cardinale Giacomo Lercaro, Galleria D’arte moderna

Mezzana Mortigliengo (Vercelli, Bond- Art Arte Moderna All’aperto

Pollenza (Macerata), Parco Museo Ambiente “Villa Lauri”

Portofino (Genova), Museo D’arte al parco

Mombercelli (ASTI), Museo Civico

Ferrara, Museo d’Arte Moderna

Treviso, Museo Civico C. Bailo

Vicenza, Museo d’Arte Moderna e Contemporanea

Museo Magi 900, Comune di Pieve di Cento

Musei civici di Treviso “Santa Caterina”

BENETTON SIMON 1933-2016

NOTA BIOGRAFICA

Simon Benetton nasce il 24 ottobre 1933 a Treviso.

Ha frequentato i corsi liberi dell’Accademia delle Belle Arti di Venezia e ha continuato la sua formazione in una liberissima e solitaria

ricerca individuale. Diversi sono i periodi del suo percorso artistico: dal figurativo alla vibrazione plastica nello spazio, dal modulo come simbolo dell’impulso, alla dinamica spaziale, dalla piastra alla macrostruttura come elemento ed espressione della volontà e della conquista dell’uomo moderno.

Negli ultimi suoi studi, la scultura ha preso una nuova dimensione, proiettandosi nello spazio urbano come espressione di libertà e di progresso fino ad arrivare al connubio tra ferro e cristallo.

Le sue opere trovano collocazione in prestigiose collezioni private e pubbliche e nei musei di molte città in Italia e all’estero.

Nel 1970, è invitato a Venezia per una mostra personale presso l’Associazione Bevilacqua La Masa. Anche a Monaco di Baviera egli ricevette importanti riconoscimenti.

Nel 1975 viene invitato alla V Biennal International des Deportes en La Bellas Artes a Barcellona.

Nel 1977 viene invitato alla VI Biennal Intenational des Deportes en Las Bellas Artes a Madrid.

Nel 1979 viene invitato alla VII Biennal Intenational des Deportes en Las Bellas Artes a Madrid.

Nel 1979-1980 partecipa alle prime due Edizioni del Convegno “Craft Council” ad Hereford in Inghilterra.

Nel 1980 partecipa al Congresso Internazionale “Ferro come espressione d’arte”, promosso dalla Abana CBA e tenuto all’Università di Santa Cruz (USA).

1986 New York, Mostra personale presso il Rockefeller Plaza Warner Communication Building

1986 “International Conference on Blacksmitting” Aifred State College di New York;

Nel 1988 viene invitato alla “International Conference of Sculpture” al Trinity College di Dublino.

Nel 1989 partecipa al “First International Festival of iron” di Cardiff (Inghilterra).

Nel 1990 partecipa alla “International Conference on Blacksmithing” presso l’ Alfred State College di New York.

Nel 1991 viene invitato alla XXI Biennale d’arte di San Paolo del Brasile.

Nel 1993 realizza le sculture “Icaro” per la città di Bonn e “Molteplicità” per le Industrie Müller di Bunde (Germania), mentre per Sydney collabora al progetto per il complesso dell’Istituto di Ricerca Medica e studia l’opera “ Spazio Tempo “.

Nel 1994 ha ricevuto il riconoscimento del Primo Premio con l’opera “Tracce della Memoria” alla XXXIV Edizione del Premio Suzzara.

Nel 1995 viene invitato a Toronto dall’Associazione Veneta e dall’ Istituto di Cultura per la realizzazione dell’opera “Volonta’ di credere, monumento a Giovanni Caboto”. Per l’occasione tiene una serie di conferenze e dimostrazioni pratiche.

Nel centenario della Biennale Internazionale di Venezia,viene invitato alla Rassegna “Memorie ed attese” a Villa Pisani.

Nel 90 Espone in permanenza l’opera “omaggio metafisico” presso i Musei agli Eremitani di Padova”

Nel 1998 realizza il monumento al lavoro “Armonie” per Francavilla Fontana (Brindisi) e partecipa alla XXVII Edizione de “Il muro dipinto”, Biennale organizzata dal Comune di Dozza (Bologna).

Gli viene conferito il titolo di Paul Harris Fellow dalla Fondazione Rotary Club International.

Nel 1999 riceve il riconoscimento “I magnifici cinque” e tiene una personale a Cortina d’Ampezzo con opere collocate en plein air ed al Museo Civico.

Nel 2000 partecipa al Premio Internazionale di scultura “Terzo Millennio” e alla prima Biennale di scultura a Finale Emilia (Modena).

Tiene personali nei giardini del Palazzo dell’arte della Triennale di Milano e presenta “Colonna Infinita” collocata al Museo Bargellini di Pieve di Cento.

Gli viene conferito il premio “Treviso” per la cultura da parte della Camera di Commercio Industria ed Artigianato.

Nel 2001 espone presso il Parco del mare di Lignano Pineta (Udine).

Partecipa al festival di Arte Topiaria a Villa Oliva Buonvisi San Pancrazio (Lucca) e alla Biennale di Monterosso Calabro.

Riceve il XXII Premio Internazionale Fontane di Roma.

Nel 2002, in occasione dei campionati mondiali di calcio in Giappone, gli viene commissionata l’opera “Fonte di Armonia” collocata all’ingresso dello Stadio ECOPA ad Aino nel Parco Sportivo di Ogasayama della Città di Fukuroi.

Il comune di Cesena gli commissiona l’opera “La grande foglia” collocata nella rotonda stradale posta all’incrocio tra via Emilia e via Firenzuola.

Nel 2003 viene invitato alla VI Biennale Internazionale di Monterosso Calabro.

Viene invitato alla XXX Rassegna Internazionale d’arte contemporanea Premio Sulmona.

Viene invitato ad allestire una mostra personale a La Romanina Country Club di Rovigo.

Viene invitato alla Rassegna d’arte all’aperto a Ferrara.

Viene invitato ad allestire una mostra personale alla Galleria Schlassgoart in Lussemburgo, Arbed Group Arcelor.

Viene invitato alla Rassegna “Carte Tracce Disegni” organizzata dal Comune di Faenza presso la Galleria d’arte Comunale.

Partecipa alla Fierarredo di Bologna con la mostra “Amore d’autore”.

Nel 2004 viene invitato all’evento Forum estate Estate Romana al Foro Italico Roma.

Viene invitato ad allestire una mostra personale a Milano.

Gli viene commissionata l’opera “Determinazione” da parte della Banca Popolare di San Felice sul Panaro (Modena).

Viene invitato dal Comune di Santa Margherita Ligure (Genova) ad allestire una mostra personale.

Gli viene commissionata l’opera “Oasi del tempo”, realizzata per Polesine Innovazione a Taglio di Po’ (Rovigo).

Presenta l’opera “Vive oggi il tempo remoto”.

Nel 2006 viene invitato dal Comune di Melegnano (Milano) ad allestire una mostra personale antologica presso il Castello Mediceo di Melegnano, da aprile a settembre.

Presenta il I Volume catalogo generale delle opere di “Simon Benetton”, edito da Giorgio Mondadori.

L’Associazione ANCE, associazione costruttori a Treviso, presenta la mostra l’”Arte per il costruire”.

Nel 2006/2007 allestisce una mostra al Castello di Monte Albano (Udine).

2006/2007 allestisce una mostra al Kunst Haus Arkadenhof (Innsbruck).

Nel 2007 allestisce una mostra a Cracovia all’Istituto Italiano di Cultura “ItaliArts” – Artisti italiani contemporanei, mostra itinerante.

Allestisce una mostra personale alla Galleria d’Arte Sartori di Mantova.

Allestisce una mostra a Cavalaire sur Mer “ Pensiero e sorgente di luce” con opere collocate negli spazi pubblici della città e presso la Maison de la Mer.

Allestisce una mostra permanente antologica presso lo Studio Galleria personale a Treviso.

Allestisce una mostra personale a “Il Borgo La Romanina” a Crespino (Rovigo).

Partecipa a Jesolo Lido Art in the City 2007.

Nel 2008 viene invitato da Fondamenta s.r.l. a Venezia, presso la Scuola Grande di San Giovanni Evangelista, alla mostra intitolata “Luce e Materia -ricerca plastica e poesia dei materiali”.

Viene invitato dalla Fondazione G.B. Cima presso Casa Cima di Conegliano ad allestire la mostra personale “Pensiero materia luce”, in collaborazione con Fondamenta s.r.l..

Nel 2009 viene invitato, come Evento collaterale, alla sesta Edizione di Arte Fiera Dolomiti a Longarone (BL) e contemporaneamente alcune sue opere monumentali sono state esposte nelle vie di Longarone.

Viene invitato ad allestire una mostra personale al Gellius di Oderzo nell’ambito della manifestazione “I sensi dell’arte”.

Viene invitato a Pontedera (Pisa) ad allestire una mostra personale con opere nelle vie e nelle piazze della città. Viene invitato ad Innsbruck ad allestire una mostra personale intitolata “Intimo dialogo dal ferro alla luce del cristallo” presso la Galleria Esterhammer.

Nel 2010 viene invitato ad esporre l’opera “Pilastro Universale” a Urbino in occasione della manifestazione “Piero Guidi – Spazio Arte per Urbino”.

Allestisce una mostra antologica al Museo Piaggio “Giovanni Alberto Agnelli“ a Pontedera (Pisa).

Nel 2011 a Valencia viene invitato ad allestire una esposizione, promossa dal Centro Culturale del Festival Sete Sòis Luas, nel Centrum Sete Sòis Sete Luas di Ponte de Sor.

Viene invitato a Nervesa della Battaglia (Treviso) ad allestire una mostra personale “Armonie tra ferro e luce” con opere collocate nella città.

Viene invitato a Reguengos De Monsaraz (Portogallo) per un’esposizione al Castello di Monsaraz.

Viene invitato a Ceuta (Spagna) per un’esposizione negli spazi all’aperto presso Las Murallas Reales De Ceuta.

Viene invitato a Spresiano (Tv) per una mostra personale intitolata “Ferro armonia del pensiero”, opere di Simon Benetton.

Gli viene assegnato il Premio Genius Loci 2011, in collaborazione con il Comitato Genius Loci assieme all’Associazione Eventi & Cultura.

Il 16 ottobre 2011 gli viene intitolato un palazzo “Palazzo Simon Benetton” nel centro storico di Valdobbiadene (Treviso), in quell’occasione viene inoltre inaugurata una mostra antologica promossa dall’Associazione culturale “Papa Benedetto XI”.

Nel 2012 viene invitato, come Evento collaterale, alla ottava Edizione di Arte Fiera Dolomiti nei padiglioni di Longarone Fiere e contemporaneamente alcune sue opere monumentali sono state esposte nelle vie di Belluno, da Settembre 2013 a Giugno 2014, Arte in Fiera Dolomiti in collaborazione con il Comune di Treviso, promuove la sua prima

mostra di Opere monumentali nelle piazze di Treviso. In quella occasione il Maestro dona due opere alla città di Treviso.

Dal 3 Agosto al 29 Settembre 2014 presso i musei civici di Treviso di “Santa Caterina” presenta in anteprima le sue inedite opere grafiche e scultoree dal 1950 al 2014.

Il 13 Dicembre 2014 presso il “Palazzo Simon Benetton” di Valdobbiadene, sede dell’Archivio Storico, presentazione dell’opera Grafica e scultorea dal 1950 al 2014 in permanenza. Dal 5 Giugno al 29 Settembre 2015 a Pontedera (Pi) “Vitalità e Germinazione della Forma” opera Grafica e scultorea dal 1950 al 2014 presso il “Centro per l’Arte Otello Cirri” e “Galleria D’arte Liba”; mentre nel “Teatro Era” e nel Centro Urbano, vengono esposte in permanenza le dodici “Macrosculture Vivibili” , in questa occasione al Maestro Simon Benetton viene conferita la Cittadinaza Onoraria città di Pontedera.

Dal 10 Luglio 2015 al 30 Maggio 2016 “Jesolo Capitale del Turismo Forgia il ferro”, trentadue installazioni con quarantadue “Macrosculture Vivibili” su tutte le piazze e presso lo “Stabilimento Balneare Manzoni”. Dal 1 al 5 Ottobre 2015 presso le sale dello “Yatch Club di Montecarlo”, espone dieci opere scultorree nella mostra collettiva di Arte Moderna Internazionale dal titolo “YA! 2015 – L’art de Vivre la Mer”, con Andy Warhol, Steve Kaufman, Amedeo Modigliani, Giacomo Balla, Mario Tozzi, Filippo De Pisis e Vittorio Corona. Dal 7 Novembre al 3 Dicembre 2015 a Mantova, presso la “Galleria D’arte Sartori”, Mostra Antologica “Opera Grafica e scultorea dal 1950 al 2015” il 25 Settembre 2016, Treviso presso il quartiere di San Liberale, Mostra a cielo aperto con 13 Macrosculture Urbane “San Liberale in Art”

Al suo lavoro si sono interessati critici e storici dell’arte, di lui hanno scritto in innumerevoli occasioni giornali, riviste e rassegne. La bibliografia è vastissima e comprende articoli, cataloghi, monografie. Le sue opere sono state oggetto di documentari e film trasmessi da televisioni nazionali e straniere.

Hanno scritto di Simon Benetton:

Stefano Aloisi, Mario Altarui, Manlio Alzetta, Ernesto Amato, Umbro Apollonio, Gianni Arde, Gina Avogadro, Giorgio Bonomi, Ida Maria Balestrieri, Mirella Banini, Gino Barioli, Antonio Barzaghi, Franco Batacchi Jr.Salvatore Bencivenga, Giuse Beninghetti, Mirella Bentivoglio Berenice.

Mario Bernardi, Marziano Bernardi, Ulderico Bernardi, Luciano Bertacchini, Franco Bianchin, Renzo Biasion, Cino Boccazzi, Giorgio Brizio, Arrigo Brombin, Sergio Brossi, Enrico Buda, Dino Buzzati, Franco Cajani, Giancarlo Caldini, Dino Camini, Armando Capri, Luciano Caprile, Luciano Caramel, R. Carvalho, Giancarlo Castagnari, Manlio Chiappa, Giuseppe Consoli, Giovanni Costantini, Enrico Crispolti, Everardo Dalla Noce,

Manlio Dall’Alfio, Luigi Danelutti, Umberto Daniele, Francesca De Col Tana, Raffaele De Grada, Mirella Del Zotto, Nino Denatta, Floriano De Santi, Salvatore Di Bartolomeo, Giorgio Di Genova, Enzo Di Martino, Emanuelo Dolcini, Marina Dormo, Angelo Dragone, Claudio Ellies, Maria Fagnani, Franco Farina, Maria Grazia Faringuellini, Pedro Fiori, Gianfranco Finzi, Attilio Freschi, Carlo Fumagalli, Michele Fuoco, Carlo Galasso, Albino Galvano, Sergio Garbato, Ferruccio Gard, Guglielmo Gigli, C. Gigli Molinari, Armando Ginesi, Fabio Girardello, Marco Goldin, Mario Gorini, Maria Goldberger, Marco Golden, Arnaldo Graglia Guasco.

Enrico Gusella, Nicoletta Hristodurescu, Massimo Infante, Arturo Jannace, Roberto Joos, Daizo Kusayanagi,

Giuseppe Labate, Luigi Lambertini, Paolo Levi, Gioacchino Li Causi, Igino Lopez, Marco Lorandi, Adriano Madaro, Giuseppe Maffioli, Giacomo Magone, Vittoria Magno, Gabriele Mandel, Verà Manuelle, Tiziano Marchelli, Giuseppe Marchiori, Renzo Margonari, Giovanni Marioli, Maria Irma Mariotti, Marco Mascardi,

Salvatore Maugeri, Ferruccio Mazzariol, Anna Mazzotti, Dino Menichini, Nicola Miceli, C. Milet, Carlo Milic.

Augusto Minucci, Sergio Molesi, Giulio Montenero, Vittorio Montanari, Carlo Munari, Guido Nozzoli.

Gian Mario Olivieri, Katharine Paine, Gianni Passalenti, Tommaso Paloscia, Aldo Passoni, Luciana Peroni, Mirko Petternella, Paolo Piazza, Aldo Piccoli, Giuseppe Piccolo, Franco Pone, Mario Portalupi, Neri Pozza, Ivo Prandin, Lionello Puppi, Paula Quental, Giuseppe Raffaelli, Paolo Rizzi, Bruno Rosada, Luigina Rossi Bortolatto, Paolo Ruffilli, Giorgio Ruggeri, Carlo Sala, Luisa Sandrone, Evelina Schats, Nuzio Sciavarello, Giorgio Segato, Camillo Semenzato, Maria Rosa Simeoni, Paolo Sogli, Saba Sparvoli, Luciano Speranzosi

Luciano Spiazzi, Mario Stefani, Ottorino Stefani, Armando Sutor, Luigi Tallarico, Nereo Tedeschi, Rudy Tepper

Maria Grazia Trabalza, Nestore Trentin, Stefano Triojani, Cecilia Toschi, Diego Valeri, Marco Valsecchi, N. Miklos Varga, Marcello Venturoli, Armando Verri, Emilia Verrua, Ido Viccari, Gianfranco Vigorelli, Dino Villani,

Francesco Vincitorio, Maurizio Vitiello, Rodolfo Vitone, Gianfranco Volpato, Pino Zanchi, Tiziana Zanchi Anselmi, Andrea Zanzotto, Antonina Zaru, Paolo Zauli, Roberta Gubitosi, Luciana Laker Crosato, Sandro Parmiggiani.

Riconoscimenti:

1994 Premio Suzzara.

1998 titolo Paul Harris Yellow, Fond. Rotary Club Intern.

2001 “Premio Treviso” per la cultura, Cam. di Com. Industria ed Artigianato.

XXII Premio Internazionale Fontane di Roma.

Premio Genius Loci 2011, Com. Genius Loci con Ass. Eventi & Cultura.

Grande Ufficiale della Repubblica Italiana, conferita dal Presidente della Repubblica Italiana Giorgio Napolitano.

Opere pubbliche:

1993 sculture “Icaro”, città di Bonn;

Molteplicità”, Industrie Muller, Bunde (Germania);

1995, Toronto (Canada) Istituto di Cultura Associazione Veneta,

Volontà di credere- Monumento a Giovanni Caboto”.

1998 monumento al lavoro “Armonie”, Francavilla Fontana (Br).

2002 “Fonte di Armonia” Stadio ECOPA, Aino, Parco Sport, Ogasayama, Città di Fukuroi, Campionati mondiali di calcio in Giappone.

2002 Comune di Cesena, “La grande foglia”.

Per la Banca Popolare di San Felice sul Panaro (Mo), “Determinazione”.

Per Polesine Innovazione, Taglio di Po (Ro), esegue “Oasi del tempo”.

Giardino dei Filosofi” Odemira Portogallo. UNICAMP Università di San Paolo Brasile. “Goccia D’acqua” Nervesa dell Battaglia (Tv).

Altri links

www.simonbenetton.com

www.archiviostoricosimonbenetton.com